Lunedì, Novembre 20, 2017
A- A A+

Cerca

Bucchi carica il Perugia: “Viviamo queste emozioni intensamente, senza rimpianti”

Bucchi2505172Gli indizi erano chiari sin da ieri. L’anticipo della tradizionale conferenza prepartita ad oggi è sinonimo di partenza anticipata per il Perugia, che già nel pomeriggio si recherà a Benevento per la semifinale playoff di sabato.

Una scelta che ha un obbiettivo ben preciso: fare gruppo e trovare la giusta concentrazione. Tuttavia Cristian Bucchi qualche dubbio se lo porterà ancora dietro: “Tranne Rosati e Belmonte vengono tutti. Dobbiamo valutare Dezi e Del Prete. Vediamo come risponderanno domani”. Nessuna preferenza per l’avversario: “È arrivata fino qui la squadra più meritevole. Saranno sicuramente due partite bellissime a livello di importanza e di carica emotiva, diverse dal campionato perchè erano una o due gare su 42 che non avrebbero compromesso nulla. Ora il margine di errore sarà ridottissimo. Si affronteranno due squadre che giocano a viso aperto, è come se salissero sul ring a darsele fino alla fine. Durante la stagione ci sono stati momenti in cui abbiamo fatto meglio e altri in cui siamo stati in difficoltà”. Il Benevento non è una sorpresa, tutt’altro: “È una società solidissima, con un allenatore che ha fatto molto bene negli ultimi tre anni. Hanno un organico importante ed è troppo facile parlare del solo reparto avanzato. Sono sempre stati lì ed arrivano a giocarsi la serie A con pieno merito”. I botteghini sono stati presi d’assalto, segno che l’aria sta cambiando? “Direi di sì – ammette il tecnico – Perugia sta capendo che siamo ad un passo e possiamo farcela realmente”. Recentemente si è visto un Grifo diverso: “Nelle ultime sei sette gare, un po’ per necessità e un po’ per indisponibilità, dovevamo tenere vivo il campionato e abbiamo osare e rischiare a costo di concedere qualcosa. Il nostro intento sabato sarà quello di dominare a prescindere dall’avversario”. Grandi aspettative su Stefano Guberti: “Sono sicuro che potrà essere determinante. Ha pagato l’inattività prolungata. Ha fatto un girone di andata strepitoso, nel ritorno ha pagato fisiologicamente la lontananza dai campi. Quattro anni si fanno sentire”. Le scelte iniziali saranno dettati da una caratteristica particolare: “Valuterò l’aspetto fisico. Servono giocatori in grado di reggere delle gare ravvicinate. Una rosa del genere mi offre più varietà di scelta. Vedremo di volta in volta. Se ho l’undici titolare in testa? Si, ma mi prendo un giorno in più per essere sicuro che alcuni giocatori smaltiscano al meglio i carichi di lavoro”. Quale sarà infine l’ultima cosa da dire alla squadra: “Niente di particolare, dobbiamo essere quel muro granitico che abbiamo dimostrato di essere per buona parte del campionato. Inoltre è bene vivere queste emozioni al massimo, sarebbe un peccato non farlo. Ma la cosa più importante è non avere rimpianti per non averci provato”. Proprio si questo il Grifone dovrà far leva: impiegare tutte le energie possibili per coronare un sogno lungo ben tredici anni! 

Articoli correlati

Scritto il 01/01/2016 da redazione
arte-claudio-montecucco-quando-gli-scatti-si-trasformano-in-sublime-poesia  Arte, Claudio Montecucco, quando gli scatti si trasformano in sublime poesia Intervista all'artista Claudio Montecucco  
Scritto il 18/10/2015 da redazione
presentazione-del-libro-di-salvatore-pezzella-l-alimentazione-in-umbria-attraverso-i-secoli-intervistaPresentazione del libro di Salvatore Pezzella “L’alimentazione in Umbria attraverso i secoli”Intervista al prof. Salvatore Pezzella
Scritto il 02/09/2015 da redazione
la-caduceo-racconta-l-onaosi-intervista-al-curatore-giuseppe-marino-nardelliLa "Caduceo" racconta l'Onaosi. Intervista al curatore Giuseppe Marino Nardelli Intervista al curatore Giuseppe Marino Nardelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie..

  
EU Cookie Directive Module Information