Lunedì, Novembre 20, 2017
A- A A+

Cerca

“Correva la stagione…” Viaggio nel tempo per rivivere le stagioni più importanti della storia del Grifo. Terza puntata.

galeoneNon tutte rose e fiori il debutto di Galeone sulla panchina del Grifo. La partenza di Cornacchini e l’adeguamento contrattuale a Marco Negri fanno volare la squadra. 

Giovanni Galeone parte con il piede giusto: durante la conferenza di presentazione, promette ad una tifoseria con il morale sotto i tacchi una rincorsa intrigante verso la serie A. Enfatizza il “Gale” da par suo: Camplone è definito “il mio capitano, Dicara “è mio figlio ed ancora “Il mio Perugia giocherà sempre per vincere perché se devo annegare, voglio farlo in un mare grande. Se affogo in un bicchiere d’acqua sono un c….” L’esordio lascia a bocca aperta anche i tifosi più ottimisti: al Curi la Lucchese viene annichilita con cinque reti. Sugli scudi Marco Negri con una doppietta. Alla roboante vittoria contro i toscani segue la sconfitta esterna di misura contro la Reggina e il 2-2 di Cosenza con reti dell’ex Lucarelli, De Paola, Pagano e Goretti. Il mese di novembre coincide con il calciomercato che nonostante l’acquisto di Max Allegri, -un altro pupillo del tecnico-, lascia Galeone insoddisfatto: “Non erano Briaschi e Suppa gli elementi che avevo in testa per far diventare il Perugia la squadra che immaginavo, ci arrangeremo…”.  I fatti gli daranno torto, i due si riveleranno preziosi e di rendimento.

Le partenze furono mirate, Galeone non voleva giocatori inadeguati per il suo gioco: valigia pronta per Evangelisti, Tedesco, Notaristefano, Baldieri, Grossi, Conti, Tasso ma soprattutto “Jo Condor” Cornacchini l’uomo dei 60 gol in tre anni, che, vistosi accantonato, aveva chiesto la cessione. Anche Negri avrebbe voluto lasciare il Grifo ma il “caso” si risolveva con un adeguamento contrattuale. Contro il Chievo le polveri sono ancora bagnate, si spara a salve e finisce 0-0. Ad Andria, successo netto, 3-0 grazie a Briaschi, Negri ed Allegri, ma soprattutto convince la qualità del gioco, con schieramento super offensivo- Giunti, Allegri, Pagano e Goretti che si integrano bene nonostante prediligano la fase di possesso palla. Il lavoro del nuovo tecnico comincia a dare i suoi frutti. Contro il “suo” Pescara e dei tanti ex -Camplone, Di Cara, Allegri e Pagano- sarà la prova verità…(continua)

Raffaele Garinella – TifoGrifo.com

Si ringrazia l’artista Marcello Pitorri per la disponibilità nel concedere la pubblicazione della vignetta

Articoli correlati

Scritto il 01/01/2016 da redazione
arte-claudio-montecucco-quando-gli-scatti-si-trasformano-in-sublime-poesia  Arte, Claudio Montecucco, quando gli scatti si trasformano in sublime poesia Intervista all'artista Claudio Montecucco  
Scritto il 18/10/2015 da redazione
presentazione-del-libro-di-salvatore-pezzella-l-alimentazione-in-umbria-attraverso-i-secoli-intervistaPresentazione del libro di Salvatore Pezzella “L’alimentazione in Umbria attraverso i secoli”Intervista al prof. Salvatore Pezzella
Scritto il 02/09/2015 da redazione
la-caduceo-racconta-l-onaosi-intervista-al-curatore-giuseppe-marino-nardelliLa "Caduceo" racconta l'Onaosi. Intervista al curatore Giuseppe Marino Nardelli Intervista al curatore Giuseppe Marino Nardelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie..

  
EU Cookie Directive Module Information